Arte a Villa Verde

La presenza di quadri su tela per i corridoi, fotografie appuntamenti ed eventi culturali fanno ormai parte della vita della casa di cura Villa Verde.

Abbiamo ricevuto e continuiamo a ricevere testimonianze da pazienti e da frequentatori della clinica privata del gradimento delle varie iniziative e di quanto rallegrino l'ambiente ospedaliero.

Per questa ragione Villa Verde continuerà, di pari passo agli investimenti tecnologici per la qualità del servizio di assistenza sanitaria offerta e la sicurezza del paziente, ad una umanizzazione dell'ambiente in cui deve soggiornare e cercheremo di lenire lo stato di sofferenza anche grazie a continui stimoli culturali.

Già da diversi anni è attiva la collaborazione con il Circolo degli Artisti di Reggio Emilia, che abbellisce i corridoi della struttura con quadri su tela e servizi fotografici in esposizione per qualche mese.

Diverse sono anche le sale conferenze organizzate negli atri della Casa di Cura, che hanno avuto un forte richiamo di pubblico per l'interesse degli argomenti e la bravura dei relatori.

Numerose infine sono le collaborazioni con cooperative sociali, a testimonianza dell'impegno solidale della Casa di Cura nei confronti del panorama reggiano. Da ultimo i quadri dei ragazzi della cooperativa "Il Villaggio" affissi nel reparto di radiologia, sono una bella macchia di colore che ravviva i muri delle sale di attesa. 

Prossimo appuntamento:

Gli Enigmi di Oscar Accorsi e Fabio Adani

«Il lavoro dell'artista è sempre quello di approfondire il mistero» (Francis Bacon). Gli "Enigmi" di Oscar Accorsi e Fabio Adani in mostra, dal 14 settembre al 16 novembre 2018, presso la Casa di Cura Privata Polispecialistica Villa Verde di Reggio Emilia (Via Lelio Basso, 1).

Promosso dalla Casa di Cura e dal Circolo degli Artisti di Reggio Emilia, il progetto sarà presentato al pubblico venerdì 14 settembre 2018, alle ore 18.00, da Fabrizio Franzini (Presidente Casa di Cura Villa Verde), Alessandra Franzini (Consigliere d'Amministrazione Casa di Cura Villa Verde), Enrico Manicardi (Presidente del Circolo degli Artisti), Gaia Bertani e Nicla Ferrari (curatrici), Oscar Accorsi e Fabio Adani (artisti).

Il vernissage sarà animato dalla giovane musicista Agatha Bocedi, che eseguirà all'arpa brani di sua composizione e arrangiamento, e dalle lettrici volontarie dell'Associazione "Degustibook", che leggeranno per i presenti alcuni testi letterari dedicati al tema della pioggia e degli agenti atmosferici.

Due percorsi espositivi paralleli che interessano l'esterno e l'interno di Villa Verde: un'installazione di Oscar Accorsi diffusa nel parco; una mostra di acquerelli di Fabio Adani negli spazi di accoglienza e nei corridoi della struttura.

Oscar Accorsi presenta "Voronoi", installazione di dodici totem metallici che formano un percorso nel quale il pubblico è invitato ad addentrarsi. Sculture nate dalla frequentazione del mondo tridimensionale digitale. "Voronoi", infatti, è una funzione che si trova in alcuni programmi di modellazione 3D che permette la creazione di frantumazioni di solidi virtuali. «L'arte – scrivono le curatrici – si presenta a noi sotto varie forme, talvolta enigmatiche, e proprio per questo stimola la nostra curiosità e ci invita alla riflessione. E quale altra sensazione può trasmetterci l'installazione di Oscar Accorsi, composta da elementi indecifrabili nella forma e nelle dimensioni (parallelepipedi attraversati da linee di frattura che, come fossero magnetiche, tengono salda la struttura esterna) se non quella di enigma? Ci troviamo forse di fronte a icone provenienti da un'altra dimensione spazio-temporale? È possibile. Questo metallo è assemblato dalle mani di Oscar e dal suo amico fuoco, ma non è tutto. "Voronoi" è un gate tra noi e ciò che ci attende, tra noi e il resto del mondo».

Fabio Adani espone una ventina di acquerelli su carta di piccole e medie dimensioni, raccolti sotto il titolo "Di sperduto silenzio". «Ciò che diviene subito chiaro nella ricerca dell'artista – scrivono Bertani e Ferrari – è la luminosa evanescenza delle immagini, capace di evocare al tempo stesso un'aura di spirituale mistero ed un terreno, brumoso sentimento padano. L'atmosfera è resa palpabile da una tecnica completamente distante da certi conclamati virtuosismi, eppure, allo spettatore attento, non può sfuggire la maestria nell'ottenere quelle rarefazioni, quelle sfocature necessarie ad un racconto che si nutre di estremo minimalismo e di eccezionale rigore».

«Il progetto – spiega Enrico Manicardi – rientra nella collaborazione ultra-quindicennale tra Villa Verde e il Circolo degli Artisti, "insieme per la cultura", che ci ha consentito di promuovere congiuntamente mostre, conferenze ed interventi d'arte ambientale, valorizzando inoltre alcuni artisti reggiani del recente passato. Dopo ventisette anni di attività, quindici dei quali trascorsi nella prestigiosa sede del Palazzo Vecchio al Mauriziano per gentile concessione del Comune di Reggio Emilia, lo storico Circolo degli Artisti è in via di liquidazione. Non si tratta di una fine, ma dell'inizio di una nuova avventura che porterà alla costituzione di un nuovo Soggetto, al quale desidero fare i migliori auguri».

Le mostre, visitabili fino al 16 novembre 2018 negli orari di apertura della Casa di Cura, sono accompagnate da brochure con testi di Gaia Bertani e Nicla Ferrari. Ingresso libero. Per informazioni: tel. 0522 328611, info@villaverde.it