','

'); } ?>

Come tenersi in forma anche nei mesi invernali?

Come tenersi in forma? Il benessere del proprio corpo è un’esigenza sempre più sentita e lo è ancora di più dopo i giorni delle grandi abbuffate natalizie. Ne parliamo con la dottoressa Silvia Grendene, medico estetico e nutrizionista di Villa Verde

Con la fine delle feste quali consigli di benessere le chiedono i pazienti?
“La principale richiesta è di mettere in pratica i buoni propositi di salute elaborati a Capodanno: imparare a mangiare meglio e rimettersi in forma. Io consiglio adi imparare a volersi bene ascoltandosi, primo passo per ritrovare salute; cerco di educare agli aspetti basilari del vivere in modo sano: alimentazione adeguata e giusto tempo per le attività che aiutano il benessere”.
Partiamo dall’alimentazione.

“Raccomando di rispettare sempre i 5 pasti, possibilmente bilanciati. I grandi alleati della nostra salute sono acqua, frutta e verdura, cibi integrali e proteine di origine animale e vegetale. Ogni alimento è fonte di salute. Dobbiamo ricordarci che il corpo è prevalentemente costituito d’acqua e che un adeguato apporto di questo nutriente (almeno 2 litri al giorno) è fondamentale per garantirne sia un buon funzionamento metabolico sia per disintossicarlo. Con frutta e verdura si ha un apporto fondamentale di sali minerali e vitamine, antiossidanti naturali contrastanti i danni da radicali liberi. La quota proteica è fondamentale per attivare il metabolismo. Non esiste il “metabolismo bloccato”, bisogna semplicemente imparare a farlo lavorare con piccole regole quotidiane. E’ necessario, poi, adeguare l’introito calorico alla spesa energetica, che varia in base ad età, stato fisiologico, patologia, attività lavorativa. Consiglio di diffidare delle diete che vanno bene per tutti e di ricorrere sempre a un professionista che elabori un programma nutrizionale personalizzato”.

Prima accennava alle attività che aiutano la buona salute: cosa intende?
“Mi riferisco al riposo notturno; una sua alterazione in termini quantitativi e qualitativi (eccessiva illuminazione o rumore, temperatura elevata in stanza da letto) provoca uno squilibrio nella produzione di alcuni ormoni che alterano il senso di fame e sazietà ed il metabolismo dei grassi con conseguente aumento ponderale. In secondo luogo penso al tempo per espletare le funzioni fisiologiche; il corpo ha i suoi tempi e bisogna rispettarli. Ricordo, poi, l’importanza dell’attività fisica, che aiuta in termini cardio-vascolari, di consumo energetico, di potenziamento osteo-articolare e di diminuzione dello stress con miglioramento del tono dell’umore”.

E qualche consiglio per il benessere estetico?
“Per far iniziare il nuovo anno nel modo migliore al nostro biglietto da visita, la pelle, consiglio un peeling per toglierle grigiore e stanchezza e favorirne con la chemioesfoliazione la rigenerazione e la luminosità. Si può poi contrastare il suo fisiologico invecchiamento con la biorivitalizzazione, una tecnica per ridare alla cute turgore ed elasticità. Non manco di ricordare, inoltre, la mesoterapia antilipodistrofica, finalizzata a riattivare il microcircolo, migliorare la perfusione tessutale e contrastare la cellulite e la pesantezza degli arti inferiori”.

Rubrica Salute del Resto del Carlino di Reggio Emilia